PDFStampaE-mail

Recensioni Novità Ghost Avenue - Ghost Avenue
 

Ghost Avenue - Ghost Avenue Ghost Avenue - Ghost Avenue

Ghost Avenue - Ghost Avenue

info

Titolo
Ghost Avenue
Anno
Durata
49 minuti
Nazionalità
Formazione
Kim Sandvik - vocals
Øystein Wiik - guitars
André Berger - guitars
Magnus Liseter - bass
Petter Lein - drums
Tracklist
1. Ghost Avenue
2. Rock ‘n Roll Tree
3. The Hunt
4. The Right Direction
5. Crazy Eyes
6. Treasure Chest
7. All I Can Say
8. Out On The Street
9. When The Going Gets Tough
10. Legacy
11. Two Drinks
Voto
7
Scritta da
Elio F

Grande band, sound perfetto, ottima produzione, ma tutto ciò potrebbe non essere sufficiente a realizzare un capolavoro, come dimostra questo disco dei Ghost Avenue.

Le origini dei Ghost Avenue (in precedenza semplicemente Ghost) risalgono al 2002 e nel corso degli anni la band ha pubblicato diversi demo ed EP, oltre ad un full-lenght, al quale segue questo loro secondo lavoro, il primo con il moniker attuale. Il sound della band attinge a piene mani da sonorità ottantiane, con un hard rock molto robusto, a tratti decisamente heavy, riproposto però con una freschezza tale da renderlo molto attuale. Ineccepibile anche la performance di tutti i musicisti: praticamente perfetto il cantante Kim Sandvik, così come risultano assai efficaci sia la sezione ritmica composta da Liseter (basso) e Lein (batteria), nonché il lavoro chitarristico della coppia Wiik/Berger. I brani sono molto diretti e hanno un approccio molto leggero, per così dire spensierato, vivace e volendo sono anche piuttosto radiofonici. Il problema di fondo è che le tracce tendono ad assomigliarsi ed avere un andamento piuttosto simile: al di là di qualche eccezione (come potrebbe essere, ad esempio, “All Can I Say”, che nella parte iniziale alterna parti lente ad altre più veloci), i brani grosso modo scorrono via senza riuscire a rimanere impressi più di tanto. Sono cioè canzoni sicuramente suonate molto bene, alquanto semplici nella struttura, concepite però con un’impostazione che non differenzia molto un brano dall’altro e senza che si possano ravvisare delle invenzioni melodiche tali da colpire significativamente l’ascoltatore. “Ghost Avenue” è dunque un album che risulta gradevole all’ascolto, tecnicamente ineccepibile, ma al quale manca quel qualcosa in più per lasciare il segno. Le potenzialità dei Ghost Avenue ci sembrano tuttavia enormi e rivedendo qualcosina, riteniamo di poterci aspettare in un prossimo futuro grandi cose da questa band.

Contattaci
Find us on Facebook
Follow Us