PDFStampaE-mail

Recensioni Novità Artillery - My Blood
 

Artillery - My Blood Artillery - My Blood

Artillery - My Blood

info

Titolo
My Blood
Etichetta
Anno
Durata
53 minuti
Nazionalità
Formazione
Søren Nico Adamsen - Vocals
Michael Stützer - Guitar
Morten Stützer - Guitar (sometimes Bass)
Peter Thorslund - Bass
Carsten Nielsen - Drums
Tracklist
1. Mi Sangre (The Blood Song)
2. Monster
3. Dark Days
4. Death Is An Illusion
5. Ain't Giving In
6. Prelude To Madness
7. Thrasher
8. Warrior Blood
9. Concealed In The Dark
10. End Of Eternity
11. The Great
12. Show Your Hate 2011
13. Eternal War 2011
Voto
8
Scritta da
MetalGeorge

Ho sempre ritenuto gli Artillery una band dal grande impatto, ma anche in grado di unire l’oscurità del doom con l’urgenza del thrash sin dal primo demo, che ho avuto la fortuna di ascoltare ai tempi della sua uscita nel 1983. La conferma fu ”Fear Of Tomorrow” ed in particolar modo ”Deeds Of Darkness”, pezzo fantastico, quasi rovinato dal pessimo vocalist dell’epoca Flemming Ronsdorf, che però si trovava a suo agio nei due album successivi, dediti ad un techno-thrash sempre più scialbo. Stessa sorte toccò all’album della reunion, quel”B.A.C.K.” del 1999, che pur più vario, non fece altro che sotterare definitivamente il gruppo. Ma ecco che, inaspettatamente, due anni fa i danesi tornano con un disco finalmente spaccaossa grazie all’ottima prova vocale del ragazzino Søren Nico Adamsen, ed anche grazie alle nuove tecniche di registrazione che finalmente danno profondità al suono della band dei fratelli Stützer, i quali adesso replicano con un CD che riesce anche a superare il pur ottimo predecessore, grazie alla strepitosa prova del succitato singer, vero punto di forza dei nuovi Artillery, oltre a massicce dosi di power metal, inserite fin dall’opener ”Mi Sangre (The Blood Song)" e sparse lungo tutto il CD. Un assalto all’arma bianca dall’inizio alla fine, solo qua e là stemperato da break acustici, che non fanno altro che dare un’impronta sinistra a pezzi come ”Warrior Blood” e ”End Of Eternity”. Ora come allora il lavoro della solista è un punto a favore, gli assoli hanno sempre gusto e sono messi sempre nel posto giusto al momento giusto. Come un carro armato che sfracella le pareti di casa col suo incedere inarrestabile, ”My Blood” vi disintegrerà i padiglioni auricolari, anche quelli più allenati. Panzer! N.B.: Nel digipack ci sono le versioni riregistrate di due pezzi di ”Fear Of Tomorrow”, la allora debole ”Show Your Hate” e la buona “Eternal War”, sembrano degli altri pezzi, tanto sono migliorati dal buon Adamsen!

Recensioni Correlate

Contattaci
Find us on Facebook
Follow Us