PDFStampaE-mail

Recensioni Remeber The Fallen Alice Cooper - From The Inside
 

Alice Cooper - From The Inside Alice Cooper - From The Inside

Alice Cooper - From The Inside

info

Titolo
From The Inside
Etichetta
Anno
Durata
39 minuti
Nazionalità
Formazione
Alice Cooper - voce

Dick Wagner - Chitarra
Rick Nielsen - chitarra in "Serious"
Steve Lukather - Chitarra
Davey Johnstone - Chitarra
Jay Graydon - Chitarra
Dee Murray - Basso
David Hungate - Basso
Rick Shlosser - batteria
Michael Ricciardella - batteria
David Foster - Tastiere
Tracklist
1. From The Inside
2. Wish I Were Born In Beverly Hills
3. The Quiet Room
4. Nurse Rozetta
5. Millie And Billie
6. Serious
7. How You Gonna See Me Now
8. For Veronica's Sake
9. Jackknife Johnny
10. Inmates (We're All Crazy)
Voto
7
Scritta da
Psychotron

Guardate quegli occhi in copertina, c'è gente dentro.

Sono dentro, e sono loro che stanno guardando noi, non viceversa. Sono imprigionati, è la band, è Alice Cooper, sono i degenti della clinica di disintossicazione, sono tutti coloro che sono prigionieri di una dipendenza chimica, fisica, psicologica. Mentre Vincent Damon Furnier trascorreva il suo periodo di degenza in un ospedale newyorkese per tentare di lasciarsi alle spalle l'alcol, stese "From The Inside", uno sguardo che nessun altro poteva avere sul suo mondo, dall'interno. Giù la genesi chiarisce quanto il disco sia sincero, autentico, si rivolga a cuore aperto all'ascoltatore. Ogni pezzo si ispira ad uno dei degenti del "sanitarium", i compagni di Alice in quel percorso infernale. Per quanto il concept che soggiace al platter abbia avuto un'importanza fondamentale per Alice Cooper in quel dato momento storico, negli anni a venire le canzoni di questa scaletta sono state raramente proposte dal vivo, anche perché la disintossicazione fu solo temporanea, Alice ci casco e ricascò ancora (il primo quinquennio deigli '80 fu assai negativo in tal senso) e dunque quel senso "catartico" di eseguire le canzoni di "From The Inside" sarebbe stato drammaticamente vanificato. Oltre al fatto che la sterzata più robusta dell'Alice Cooper sound operata da "Constrictor" in poi (ovvero da quando Alice tornò lucido e cosciente di se stesso) poco collimava con le trame vaporose e leggere di un album settantiano come questo. Oggi, inquadrato storicamente nella sua discografia, "From The Inside" riconquista il proprio posto e si attesta come una variante importante tra le tante facce di Alice Cooper, lo hit maker, il glam rocker, il tenebroso, il metallaro.

Contattaci
Find us on Facebook
Follow Us