PDFStampaE-mail

 

Lisa Dominique Lisa Dominique

Lisa Dominique

Info Hangar 18

Titolo
Lisa Dominique
Scritto da
Psychotron

Image Gallery

Lisa Dominique
Lisa Dominique
Lisa Dominique
Lisa Dominique
Lisa Dominique

preyLisa Dominique è tanto viva nella memoria dei rockers che compravano vinili negli anni '80 quanto dimenticata, anzi sconosciuta, agli attuali rockers digitali. La sua carriera è durata molto poco, sostanzialmente due album, anche se in realtà ne ha pubblicati di più, e ad essere generosi la visibilità conquistata sui Media è stata largamente dovuta al suo aspetto più che alle sue canzoni, perlomeno di là dall'Atlantico, dove il look e gli amorazzi trasgressivi delle rockstar hanno finito col soppiantare del tutto il peso specifico della musica.

Lisa è un'inglesina (East Yorkshire) che nell'85 fa i bagagli e si trasferisce a Londra. Qui suo fratello Marino (omonimo del chitarrista italo-canadese Frank, suppongo) si esibisce con una band che porta il suo nome. Lisa entra a farne parte come vocalist e, sin dalla prima esibizione al Marquee sulla Wardour Street, il gruppo si fa un'idea ben precisa di quello che potrebbe essere l'impatto di Lisa sul pubblico. Devastante. Bella come una ragazza copertina, persino Kerrang! se ne occupa definendola "una gattina sexy che sta sul palco come una Scarlet O'Hara in acido". Alla seconda esibizione della band, stavolta in tv all'ECT Rock Show di Channel 4, la nuova etichetta che viene affibbiata alla cantante è quella di "Marilyn Monroe del rock n roll". Le definizioni di Lisa in carriera si sprecheranno, Mutt Lange, produttore dei Def Leppard, la ritrasse come una specie di "Billy Idol al femminile". Lange offrì anche un contratto alla band, ma Marino, che ne era il leader, lo rifiutò, preferendo accasarsi con la AMI, il cui management era americano. Iniziò la produzione di un album, curata dal chitarrista di David Bowie, Mark Ronson. Durante questa fase emersero le prevedibili "differenze artistiche" (leggi: smanie di protagonismo) tra i due fratelli e Lisa lasciò la Marino Band proseguendo dapprima sotto contratto sempre per Ami, poi firmando con BMG/FM Revolver Records.

La Lisa Dominique Band era formata dall'ex chitarrista dei No Hot Ashes Ken Heaven, l'ex bassista di White Spirit e Airrace Toby Sadler, l'ex tastierista sempre dei White Spirit Mally Pearson, ed il batterista Dick Glazebrook (poi sostituito da Simon De Montford dei Deep Switch). Circolavano rumors che avrebbero visto la Dominique coinvolta in un progetto a nome Certificate X con membri dei Savatage e suo fratello Marino. Quello che succede invece è che nel 1988 esce il primo singolo "Jealous Heart" (si parlò di una voce capace di fondere Chrissy Hynd dei Pretenders con Debbie Harry dei Blondie). L'anno dopo esce il full-lenght di debutto "Rock n’ Roll Lady", contenente anche "Jealous Heart", e che vede tra i nomi coinvolti lo stesso chitarrista Marino, Ronnie Hales, il bassista Ian Spicer ed il batterista Mike Meyer. La Dominique viene decretata nei sondaggi di Kerrang! e Metal Hammer la vocalist britannica numero uno, nonché la più sexy, battendo la concorrenza di Stevie Nicks, Annie Lennox, Lita Ford. L'album viene ristampato in versione picture disc a testimonianza del successo esplosivo dell'artista. Viene coniato un nuovo soprannome per Lisa, interpretata stavolta come "rock n roll Madonna" da un celebre impresario londinese che organizzava party in suo onore in città.

A gran voce Lisa viene richiesta al Marquee dove torna ad esibirsi, e si racconta di fans in delirio che si portano via pezzi del club come souvenir della serata. Nel 1990 arriva il primo singolo estratto dall'album, nonché il primo videoclip: "All Fall Down". La BBC lo censura e conseguentemente aumenta la popolarità di Lisa. Lo stesso anno la Dominique sposa un avvocato manager di New York, Michael Machat, con una cermonia principesca degna delle fate. Nel 1991 cambia casa discografica, Castle Communications, e viene pubblicato "Gypsy Rider", secondo lavoro registrato stavolta a New York e che assicura alla Dominique tour con Bon Jovi, Aerosmith, Ozzy Osbourne e Saxon. Nonostante tutto il ben di Dio piovuto addosso a Lisa in così pochi anni, qualcosa si inceppa perché, date le premesse gloriose, la Dominique avrebbe dovuto quantomeno diventare la nuova Barbara Streisand, e invece "Gypsy Rider", pur ben accolto dalla critica, non consacra definitivamente l'artista, che perde qualcosa in popolarità, indugiando e cincischiando con scelte sbagliate.

Nel ’93 Lisa sembra orientarsi su sonorità più blues rock e acustiche, e prende in considerazione l'idea di interrompere la carriera solista per mettere su una vera e propria band, che nelle intenzioni si sarebbe dovuta chiamare Broken Down Angels. La cosa non ingrana, nel frattempo Lisa si trasferisce a Los Angeles ('94), dove cerca di assemblare un team tutto americano. Nuovamente il progetto si arena e le prime notizie della Dominique tornano a comparire nel '96, quando la sua musica viene usata per una pubblicità di vini. Nel frattempo, si narra che vengano offerti diversi ruoli da attrice alla Dominique - presente a molte prime glamour cinematografiche - sempre declinati. Evidentemente il solido ambiente vinicolo fa presa sulla Dominique, che nel '97 avvia una propria azienda, la Cupid Wines. Inzia a fare incetta di riconoscimenti anche qui e il business decolla. Assieme a Boy George incide il pezzo techno/garage "Vampire Love" per pubblicizzare nel circuito dei club le sue bottiglie. Tra New York e Londra il singolo spacca e a Lisa viene offerto addirittura un contratto per incidere altro materiale dance, ma anche stavolta Lisa non firma.

Nel 2001 la Dominique inizia la scrittura del suo primo romanzo nonché il suo nuovo album. Nel 2002 torna a fare squadra con la FM Revolver (adesso sotto Universal Records) per la pubblicazione di "Sensation", primo vero disco dal 2002. Se ne parlò benino ma quasi nessuno si accorse della sua pubblicazione, anche perché arrivò fuori tempo massimo, e per l'artista e per il genere.
La carriera della rock n roll lady ad oggi si è interrotta qui, mentre paiono proseguire alacremente perlomeno quelle di romanziera (sul suo profilo facebook campeggiano le recensioni alla sua nuova fatica letteraria, dalla tematica vampiresca) e di produttrice di vini. Gli album prodotti a cavallo tra anni '80 e '90 (vedi la colonna delle recensioni correlate, in alto a dx - nda) sono e rimangono due buoni lavori, frizzanti, freschi, addirittura con reminiscenze sixties, e la carnosa Dominique - oltre che una appetitosa Anna Falchi del music biz - era tutto sommato anche una gradevolissima voce che non avrebbe affatto sfigurato nel panorama hard rock, se fosse stata più rigorosa nel costruirsi un proprio spazio, una band ed una carriera come altre sue colleghe (una per tutte, Robin Beck). Oggi rimangono agli atti dei servizi fotografici bollenti, sui quali la Dominique puntò fin troppo, alimentando lei stessa i sospetti che le tette dovessero compensare una mancanza di talento, e una manciata di buone canzoni, che invece c'erano e che furono soffocata dall'esuberanza di un sex appeal davvero troppo ingombrante.

Contattaci
Find us on Facebook
Follow Us