PDFStampaE-mail

Recensioni Novità Feline Melinda - Morning Dew
 

Feline Melinda - Morning Dew Feline Melinda - Morning Dew

Feline Melinda - Morning Dew

info

Titolo
Morning Dew
Anno
Durata
40 minuti
Nazionalità
Voto
8
Scritta da
Psychotron

Scavando nell'underground mitologico italiano - stiamo parlando di heavy metal naturalmente - ci si imbatte nell'EP del 1988 "The Felines Await You", sei tracce di speed metal naive e sguaiato forse, ma certamente sincero e accattivante, a firma e cuore Feline Melinda. I più attenti frequentatori del metallo tricolore ben conosceranno questa band altoatesina, una promessa annunciata sul finire degli anni '80 e purtroppo non mantenuta, anche e soprattutto per colpa dell'approssimativo music biz italiano. La band vivacchia in qualche modo tra compilation, il maxi-CD "Living In Europe" (1995) e l'autointitolato "Feline Melinda" (2004), comprendente materiale vario, edito ed inedito. Arriva finalmente il deal con la sempre attenta My Graveyard Productions, ed ecco prender forma il nuovo album "Morning Dew". Oggi la formazione vede Chris Platzer alla batteria, lo storico Rob Irbiz alla voce e alla chitarra, e GSchnell al basso. La melodia è l'assoluta incontrastata regina del platter, in ogni forma e concezione, speed song, mid-tempo, ballad. "Forever" ha la leggerezza e la solare positività degli Stormwitch di "Eye Of The Storm" (pensate alle armonie celesti di "Paradise"). "Skydiver" segue le medesime coordinate, mischiando nel calderone anche Nocturnal Rites (quelli con Anders Zackrisson) e Gamma Ray. "Woman Without Compromosies" è una romantica dichiarazione d'amore. Sostanzialmente questi rimangono i binari sui quali "Morning Dew" compie tutto il proprio viaggio, un heavy metal tedesco e massicciamente melodico, non troppo dissimile da quello delle band di Andy Mück ("Free Your Mind", "Morning Dew") e di Zackrisson ("Dangerzone"), con tentazione americane (imprescindibili per qualsiasi rock band si cimenti con chorus melodici e ficcanti), e a tratti anche con rimandi al riffing quadrato di Axel Rudi Pell - periodo Steeler (evidente ad esempio in "Turn Me On Cat Women"). "When Love And Hate" e la conclusiva "Heart Of Stone" sono due ulteriori love ballads, forse non proprio entusiasmanti (una smanceria in meno ed una mazzata speed in più non avrebbe guastato). Correda il CD un'ampia parte multimediale con il videoclip di "Skydiver", il making of e delle immagini. Gli odierni Melinda, con 20 anni di più sulle spalle, cercano la buona melodia e l'arrangiamento di classe, anziché spingere sull'acceleratore a testa bassa, realizzando comunque un ottimo disco di hard & heavy italiano. Bentornati!

Contattaci
Find us on Facebook
Follow Us