Recensioni

PDFStampaE-mail

Recensioni Mondo Underground Artifex - Redux
 

Artifex - Redux Artifex - Redux

Artifex - Redux

info

Titolo
Redux
Anno
Durata
20 Minuti
Nazionalità
Formazione
Mircea - Voce, Chitarra, Synth & Electro Effects
Vito Laterza - Basso
Francesco Paonessa - Batteria & Drum Machines

Guest:
E. Setteduca - Chitarra
Tracklist
1. Brainflush
2. Emptiness
3. Room 453
4. The Ultimate Display
Voto
7
Scritta da
Thiess

Gli Artifex nascono a Bologna nel 1997, dopo una demo, un album ed una partecipazione in una compilation, arrivano a questo interessantissimo EP. Quattro pezzi di un Rock che vaga tra l’alternative e l’Industrial, attestandosi in una dimensione di chiari e scuri dalla signorile eleganza. Una figura compare e scompare, inghiottita dall’ombra, la sua presenza aleggia di buongusto, ed anche senza vederne i contorni a tratti, ne risentiamo la presenza costantemente. I brani, oltre ad essere orecchiabili e piuttosto immediati, risultano comunque sofisticati, grazie a dei lapilli dall’elettronica essenza. La qualità tecnica dei ragazzi non si discute, grazie anche ad una produzione eccelsa. Le chitarre raggiungono distorsioni che ricordano il Metal, mentre il comparto vocale ha quelle tonalità sperimentali che ci rammentano i Tool. Frenesia che alterna il suo stato di coscienza a momenti di riflessione, quasi le strutture si facessero d’anima Progressive. Molto stimolanti i passaggi più Ambient, raffigurazioni che si offuscano, per diventare poi trasfigurazione di sentimenti interiori. Le ritmiche raggiungono battiti che ricordano l’Hard Rock, come anche approcci e ripartenze, che sanno di aggressivo esecutore. Quattro pezzi sono pochi, però vi possono dare l’idea di ciò che gli Artifex sappiano fare. Attendiamo allora ansiosi una nuova uscita discografica, così da poter ammirare, in tutto il suo splendore, l’intero dipinto.

Contattaci
Find us on Facebook
Follow Us